Scarichi inquinanti nel Burana, l’allarme delle guardie ittiche

“Da dieci giorni stiamo documentando un fenomeno preoccupante che interessa il Canale Burana, nel tratto che va dal Comune di Ferrara a quello di Bondeno. L’intero corso d’acqua è letteralmente ricoperto da una patina di olio, o di carburante non ben identificato, proveniente da monte”. A parlare è Marco Falciano, coordinatore delle guardie ittiche provinciali e rappresentante dell’Unione Pescatori Terre Estensi, che denuncia un nuovo fenomeno di inquinamento ambientale nel territorio ferrarese.

Secondo Falciano è infatti da escludere che la patina di olio sia statacausata da uno scarico occasionale, ma anzi “purtroppo è ipotizzabile che la causa sia ricoducibilea uno scarico industriale continuo, o peggio, a materiale inquinante come barili o fusti depositati sul letto del fiume”.

Le guardie ittiche hanno avvisato il Comune di Ferrara e Arpa, affinchè s’intervenga immediatamente per individuare la causa dell’inquinamento e per limitare il fenomeno prima che possa produrre seri danni all’habitat acquatico e alle culture circostanti. “Ricordiamo che il Burana – spiega Falciano – è uno dei più importanti canali d’irrigazione dell’alto ferrarese e che sulle sue sponde sono già ben visibili le caratteristiche macchie oleose che impregnano il terreno in prossimità dell’acqua, segno che il liquido inquinante ha già attecchito. E’ necessario intervenire prontamente per scongiurare future e ben più gravi conseguenze”.

Marco Falciano

Classe ‘89, ferrarese, articolista freelance, ambientalista e pescatore. Da attivista ho realizzato e preso parte direttamente a diversi report ambientali, andati in onda sulla TV nazionale e straniera. Come rappresentante di un’associazione di tutela ambientale ho avuto modo di partecipare alla stesura di alcuni importanti testi di legge, dalla Regione al Parlamento. Di notte mi unisco ai Pirati del Po, il gruppo di guardie volontarie che coordino da alcuni anni, per contrastare il bracconaggio attuato dalla Mafia del Pesce. Amo l'ambiente, le acque interne, ed ho deciso di occuparmene e difenderle a tempo pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *