Eccezionale avvistamento del branco di lupi di Campotto

In rete sta impazzando il video dell’eccezionale avvistamento di sette giovani lupi, registrato qualche giorno fa da un cacciatore, nel bosco di Campotto, presso le Valli di Argenta. Gli animali sono monitorati costantemente dall’Ente Parco Delta del Po e si sa che appartengono tutti alla medesima cucciolata, nata proprio quest’anno.
Sono i sette discendenti di una ben nota coppia di adulti, che da qualche tempo ha deciso di stabilirsi nel ferrarese e a cui è stato anche dato un nome: Anna e Marco. Come la canzone di Lucio Dalla.
Si tratta di un importante ritorno faunistico per questa specie selvatica, che mancava nei territori della bassa da quasi due secoli. E’ pur vero che da alcuni anni si è assistito ad avvistamenti sporadici di probabili esemplari di passaggio, ma questa volta sembra evidente che nelle valli argentane si stia consolidando ed accrescendo una piccola comunità di lupi stanziale.

I selvatici hanno deciso di stabilirsi nel dedalo di canali compresi tra il fiume Reno, il torrente Idice e il Sillaro, cacciando attraverso gli oltre 1.500 chilometri quadrati di valli, tra le casse di espansione della Bonifica Renana. Si tratta di un’area naturale protetta che conserva ancora in parte intatto l’habitat paludoso, tipico del basso corso del Po. Un territorio che alterna zone umide, zone bonificate, corsi d’acqua e campi coltivati.

Leggi il resto dell’articolo sul Giornale del Po al LINK

Video

Eccezionale avvistamento del branco di lupi di Campotto – Valli di Argenta

Marco Falciano

Classe ‘89, ferrarese, articolista freelance, ambientalista e pescatore. Da attivista ho realizzato e preso parte direttamente a diversi report ambientali, andati in onda sulla TV nazionale e straniera. Come rappresentante di un’associazione di tutela ambientale ho avuto modo di partecipare alla stesura di alcuni importanti testi di legge, dalla Regione al Parlamento. Di notte mi unisco ai Pirati del Po, il gruppo di guardie volontarie che coordino da alcuni anni, per contrastare il bracconaggio attuato dalla Mafia del Pesce. Amo l'ambiente, le acque interne, ed ho deciso di occuparmene e difenderle a tempo pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *